Skip to Content

Le più belle avventure del mondo nel 2022

Molti viaggiatori non si accontentano più di vedere i siti turistici standard, ma vogliono andare in mezzo a loro e cercare viaggi d’avventura per esplorare il mondo.

Viaggiare all’insegna dell’avventura non significa necessariamente fare sky diving in un paese straniero o intraprendere un trekking di più giorni da soli nella natura selvaggia. I viaggi d’avventura si riferiscono in generale a qualsiasi tipo di viaggio che sia in qualche modo fuori dagli itinerari turistici standard.

Di recente abbiamo chiesto ai blogger di viaggio di raccontarci le loro grandi avventure nel mondo. Abbiamo avuto una risposta meravigliosa e abbiamo sentito parlare di avventure in tutto il mondo.

Ci sono state avventure in Papua Nuova Guinea, Giordania, Australia, Nuova Zelanda e persino nella giungla amazzonica. I blogger ci hanno raccontato le loro avventure a dorso di cammello nel deserto, i voli in ultraleggero sull’oceano, le visite ai vulcani e le gite in elicottero su ghiacciai spettacolari.

Alcune avventure hanno coinvolto coppie che hanno lasciato il lavoro per viaggiare a lungo termine e persino avventure con bambini piccoli.

Qualunque sia il tuo livello di comfort nei viaggi d’avventura, ci sarà sicuramente qualcosa che ti ispirerà per il tuo prossimo viaggio.

1.Abbiamo lasciato il nostro lavoro e siamo partiti per un’avventura di 15 mesi attraverso il mondo.

We Quit Our Jobs And Set Out On A 15 Month Adventure Across The World
Ponte del Golden Gate

Quando abbiamo deciso di lasciare il lavoro e viaggiare a tempo pieno, io e mia moglie eravamo sposati da due anni, senza debiti, figli, casa o altre responsabilità permanenti che ci impedissero di fare ciò che volevamo nella vita.

Il lavoro andava bene, ma nessuno di noi voleva solo “bene”: sentivamo sempre più il bisogno di spuntare cose dalla nostra lista di cose da fare. Non volevamo lasciare nessun “e se” sul tavolo. Così abbiamo deciso di dirottare i soldi risparmiati verso un fondo per i viaggi e abbiamo pianificato la nostra prossima grande avventura.

Quando è arrivato il momento di dire ai nostri rispettivi capi che saremmo partiti per un viaggio, non è stato troppo difficile. È stato sicuramente molto più facile che dirlo ai nostri genitori. E alla fine hanno capito che dovevamo fare le nostre cose e vivere la vita alle nostre condizioni.

Non abbiamo mai incontrato nessuno che ci dicesse che risparmiare un po’ di soldi e viaggiare per il mondo fosse una cattiva idea. Tutti quelli a cui l’abbiamo detto ci hanno sostenuto in modo incredibile.

We Quit Our Jobs And Set Out On A 15 Month Adventure Across The World2

Due mesi prima della partenza e il nostro grande viaggio stava per iniziare. Abbiamo volato fino a Portland per vedere alcuni amici prima di guidare verso sud sulla Pacific Coast Highway fino a Los Angeles.

Lungo tutto il percorso, abbiamo visto bellissimi panorami e fatto grandi risate e conversazioni con buoni amici.

In breve tempo, eravamo nel terminal del LAX pronti a iniziare la prima tappa del nostro viaggio internazionale. A questo punto la gravità della situazione si è fatta sentire. Le due settimane precedenti erano sembrate una vacanza, ma ora stavamo vivendo una partenza più realistica.

Non dovevamo più essere al lavoro alle 7, chiedere ferie o partecipare a riunioni. Siamo stati abbandonati a noi stessi. Nessuno ci dice cosa fare e il nostro successo e il nostro fallimento sono ora nelle nostre mani.

Viviamo in Nuova Zelanda, presto andremo in Australia, poi nel sud-est asiatico, poi… chi lo sa? Non è tutto rose e fiori – lavoriamo più di prima – ma ci stiamo godendo l’avventura della vita insieme, alle nostre condizioni.

Scott & Hayley di International Hotdish

2. Crociera in Papua Nuova Guinea

My Greatest Adventure 2017 Cruise To Papua New Guinea 001

Sono sempre stato affascinato dalla cultura tribale e divoravo le riviste del National Geographic e i libri di testo di antropologia, dove la Papua Nuova Guinea (PNG) compariva spesso.

Quando ho trovato un itinerario di P&O Cruise che visitava le isole remote del PNG, ho capito che sarebbe stato un viaggio straordinario. Dato che di solito siamo viaggiatori indipendenti, non ero sicuro che ci sarebbe piaciuta la parte della crociera. Sapevo che la PNG sarebbe stata fantastica, ma sono rimasta sorpresa da quanto ci sia piaciuta anche l’esperienza della crociera.

Il punto forte del viaggio è stato visitare isole remote e incontaminate dalla vita moderna. Dato che le navi sono così poche, la maggior parte degli abitanti dell’isola esce per salutare la nave da crociera.

Ci sono guide non ufficiali che ti mostrano i villaggi, persone che vendono intricate sculture in legno e scolari che cantano in abiti tradizionali. Abbiamo viaggiato in molte parti remote del mondo, ma in nessun posto abbiamo sperimentato un luogo con così pochi contatti con l’esterno.

My Greatest Adventure 2017 Cruise To Papua New Guinea2 001

Abbiamo imparato a conoscere il loro stile di vita tradizionale, le sfide che devono affrontare e il loro desiderio di avere più turisti per creare un’attività economica. È stato magico vedere i nostri figli distribuire semplici doni come matite e persino le loro stesse scarpe.

I bambini dell’isola erano così entusiasti di questi piccoli doni e i nostri ragazzi hanno imparato una lezione importante sul donare.

L’altro punto forte della nostra crociera in Papua Nuova Guinea è stata l’opportunità di conoscere l’incontaminato mondo sottomarino. I coralli erano tra i più sani che abbiamo visto, con una vita marina incredibilmente varia.

Facendo snorkeling appena fuori dalle spiagge, abbiamo potuto sperimentare una delle biodiversità marine più sane e ricche del mondo.

My Greatest Adventure 2017 Cruise To Papua New Guinea3 001

Visitare la Papua Nuova Guinea è stata un’esperienza surreale e un’opportunità per visitare un paese che non avrei mai pensato di visitare. La nostra crociera è stata un piccolo assaggio di questo affascinante Paese e spero che un giorno potremo tornare per trascorrervi più tempo.

Alba da 5 persi insieme

3. Dormire in una yurta sotto il cielo del deserto della Giordania

My Greatest Adventure 2017 Three Days In Jordan2 001

Tre giorni in Giordania: visita le rovine di Gerasa a Jerash, fai un trekking di ore nella “Città perduta” di Petra, dormi in una yurta sotto il cielo del deserto e bevi un tè con la gente del posto dopo aver attraversato a dorso di cammello il deserto del Wadi Rum. Questa è stata la nostra più grande avventura del 2017.

Vedere una delle meraviglie del mondo create dall’uomo, Petra nel Wadi Musa, mi era sempre sembrato un sogno lontano. Un’idea su cui era bello fantasticare mentre scorrevo i post su Instagram di viaggiatori ultraterreni. All’improvviso, ci siamo trovati nel bel mezzo di tutto questo.

Anche se stavamo serpeggiando attraverso la stretta apertura delle scogliere rocciose che conducono al famoso Tesoro, la realtà di essere fisicamente lì non ci aveva ancora colpito.

Abbiamo iniziato il nostro viaggio attraverso la Giordania al confine con Israele. La nostra prima tappa sono state le rovine di Jerash. Non avevo mai programmato di visitare queste rovine, quindi è stata una piacevole sorpresa trovarci di fronte all’imponenza di questi resti che cercavano di mostrarci uno scorcio della loro antica storia.

My Greatest Adventure 2017 Three Days In Jordan 001
Jerash, Giordania

Il viaggio verso Wadi Musa ha portato con sé la notte. Quando siamo usciti dall’auto, siamo rimasti subito affascinati dalle numerose stelle scintillanti nel cielo notturno del deserto.

Addormentarci per la prima volta in una yurta mentre ascoltavamo l’ululato del vento all’esterno, comprendendo i pericoli naturali da cui eravamo al sicuro, ci ha fatto capire l’ostilità che questo paesaggio possiede.

Ci siamo svegliati con un’intera giornata di esplorazione di Petra davanti a noi. Anche se è stato necessario camminare molto, siamo riusciti a raggiungere molti dei luoghi “imperdibili”, tra cui il punto di vista del Tesoro dall’alto, il Monastero, le Tombe Reali, il Teatro, la Via delle Facciate, la Via del Colonnato e l’Alto Luogo del Sacrificio.

Tuttavia, un giorno intero non era ancora sufficiente per esplorare tutto. Ma il tempo a nostra disposizione era scaduto e il giorno seguente siamo partiti per il Wadi Rum.

My Greatest Adventure 2017 Three Days In Jordan3 001
Wadi Rum

Ancora una volta, mentre percorrevamo a dorso di cammello solo una parte di questo vasto deserto, la tenacia dell’antico popolo di qui diventava sempre più evidente.

Ahimè, era giunto il momento di rilassarsi con una tazza di tè e di dedicare un momento di riflessione a questo paesaggio marziano. Questo, il nostro periodo in Giordania, è il racconto indimenticabile della nostra più grande avventura finora.

Taiss da Together To Wherever

4. Volo in ultraleggero sulla barriera corallina di Ningaloo in Australia Occidentale

Volo In Ultraleggero Sulla Barriera Corallina Di Ningaloo In Australia Occidentale
Volo in ultraleggero sulla barriera corallina di Ningaloo in Australia Occidentale

Nell’inverno del 2017 mi sono trasferita a Exmouth, in Australia occidentale. Scegliere una sola avventura come la mia preferita è difficile, perché ho trascorso il mio soleggiato e caldo inverno su spiagge votate come le più belle del mondo, facendo immersioni nella coloratissima barriera corallina di Ningaloo, nuotando con mante e squali balena e immergendomi in apnea al suono delle megattere.

Tuttavia, un’avventura si è distinta dalle altre.

È un uccello, un aereo, un… ultraleggero?

Un ultraleggero è un aereo leggero alimentato da un’elica e dotato di ali come un deltaplano. Bird’s Eye View a Exmouth offre voli introduttivi di prova, quindi invece di sederti e goderti il viaggio, imparerai a pilotare questo aereo unico.

La Mia Più Grande Avventura Volo In Ultraleggero Sulla Barriera Corallina Di Ningaloo In Australia Occidentale-001

Io e il mio istruttore indossammo i caschi con i dispositivi di comunicazione, ci legammo e decollammo lungo la pista. Siamo saliti rapidamente e presto abbiamo sorvolato Capo Nord-Ovest e la barriera corallina di Ningaloo, dichiarata Patrimonio dell’Umanità.

Man mano che la distanza tra il nostro ultraleggero e il suolo aumentava, ho guardato il territorio e sono stato sopraffatto dal pensiero che stavamo praticamente pilotando una moto con le ali. Ed è stato fantastico!

Sorvolando la barriera corallina di Ningaloo, abbiamo guardato giù e avvistato megattere, mante e squali nell’acqua. L’aspetto minuscolo delle balene era un ottimo indicatore dell’altezza a cui avevamo volato.

Mi è piaciuto molto guardare i cambiamenti dell’acqua e la caduta nel blu profondo. Vedere mante e megattere nell’area in cui avevo nuotato il giorno prima mi ha fatto capire quanto sono piccolo rispetto all’oceano.

La Mia Più Grande Avventura Volo In Ultraleggero Sulla Barriera Corallina Di Ningaloo In Australia Occidentale-001
Volo in ultraleggero sulla barriera corallina di Ningaloo in Australia Occidentale

Mentre volavamo verso il golfo di Exmouth, il mio istruttore mi ha lasciato prendere i comandi e io ho guidato il nostro volo oltre lo yacht club, trovando altre megattere.

Volare con un ultraleggero ti permette di avvicinarti all’acqua e di vedere più animali selvatici rispetto a un normale aereo, e l’assenza di recinzioni significa una vista a 360°.

I 90 minuti di volo sono finiti troppo presto e, mentre le ruote toccavano terra, ho iniziato a pianificare il mio prossimo volo in ultraleggero. È un’esperienza che voglio rivivere ancora e ancora.

Brittany di “The Sweet Wanderlust

5. Giro in elicottero in Nuova Zelanda

New Zealand Helicopter Ride

Chiunque abbia visitato la Nuova Zelanda ti dirà che è uno dei luoghi più belli del mondo. Laghi cristallini riflettono il cielo come uno specchio lucido, foreste pluviali verdeggianti brillano di rugiada, foche da pelliccia cavalcano su coste incontaminate e montagne svettanti e innevate bucano il cielo.

Tutte queste attrazioni possono essere visitate a breve distanza l’una dall’altra lungo la Strada panoramica 6. L’Isola del Sud della Nuova Zelanda è davvero un paradiso all’aria aperta.

È stato il mio viaggio sulla strada 6 dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda che mi ha portato a vivere una delle avventure più emozionanti che abbia mai vissuto, un giro in elicottero e l’atterraggio su uno dei maestosi ghiacciai della Nuova Zelanda.

Andando verso sud sulla strada 6 da Greymouth, sulla costa occidentale dell’Isola del Sud, incontrerai le piccole città di Franz Joseph e Fox Glacier, equivalenti neozelandesi del selvaggio West.

L’area circostante fa parte del Parco del Patrimonio Mondiale Te Wahipounamu, che ospita i ghiacciai che scendono dalle Alpi Meridionali.

Entrambe le città di Franz Joseph e Fox Glacier offrono gite in elicottero. Inizialmente ero titubante, ma sentivo che era un’opportunità unica nella vita. Mi sono aggirato intorno alla piattaforma dell’elicottero, osservando le persone che scendevano mentre si complimentavano per la bellezza del ghiacciaio.

Alla fine mi sono impegnato. Ho fatto uno di questi giri esilaranti sulle cime delle montagne, atterrando e camminando su un ghiacciaio, e ho visto alcune delle scene più spettacolari che abbia mai vissuto con una vista a volo d’uccello dei ghiacciai che si estendono sulle montagne.

Ho sentito il mio cuore battere come non mai quando l’elicottero si è lanciato in un precipizio senza fondo. In questo modo avrai circa un mese di allenamenti cardio.

È stato fantastico proprio come pensavo. Dopo il viaggio, non riuscivo a immaginare perché avessi esitato.

Talek da Travels With Talek

6. Esplorare la foresta amazzonica in Ecuador

Un viaggio nella foresta amazzonica come parte del mio viaggio di 8 mesi attraverso l’America Latina e sicuramente la mia più grande avventura del 2017 e un punto culminante del mio viaggio.

Ho deciso di visitare l’Amazzonia in Ecuador piuttosto che in qualsiasi altro paese vicino, grazie ai prezzi equi e alla facilità di raggiungerla rispetto ad altre destinazioni.

Dopo un lungo viaggio in un autobus notturno proveniente da Quito, seguito da alcune ore in un furgone, io e altri viaggiatori siamo saliti sulle barche. Siamo stati trasportati nella foresta amazzonica nella Cuyabeno Wildlife Reserve.

È qui che abbiamo avuto il primo assaggio della fitta giungla, avvistando diverse specie di scimmie e bradipi in alto sugli alberi. Dopo qualche ora di navigazione, siamo arrivati al nostro lodge nella giungla, la nostra nuova casa per i prossimi giorni, lontano dalla civiltà.

I miei giorni nella foresta amazzonica sono stati pieni di avventure e attività. Abbiamo esplorato la foresta pluviale in barca, avvistando caimani e pescando piranha, ma anche a piedi.

La parte più spaventosa è stata sicuramente la passeggiata notturna, con enormi ragni, serpenti e insetti proprio accanto a noi ogni pochi metri. Ma anche nel nostro lodge, una volta abbiamo scoperto un’enorme tarantola sul soffitto proprio sopra il nostro tavolo da pranzo e una grande anaconda è stata avvistata nella palude a pochi metri dalle nostre stanze .

Inutile dire che non dormivo molto bene e che dovevo ispezionare completamente la mia stanza ogni sera prima di andare a letto. Ecco com’è la vita nella giungla!

Il momento culminante della mia visita alla foresta amazzonica è stato un bagno al tramonto in un lago più grande, che fa parte dell’enorme sistema fluviale che attraversa tutta l’Amazzonia.

Secondo le nostre guide, i piranha, i serpenti e i caimani rimangono sulla riva e non arrivano al centro del lago, e a noi è stato permesso di tuffarci!

Nuotare nella foresta amazzonica, lontano da qualsiasi civiltà, elettricità e connessione mobile, mentre il sole tramonta lentamente dietro gli alberi: c’è di meglio?

Patrick da German Backpacker

7. Ottenere l’ambito permesso per The Wave in Arizona

The Wave Arizona Wandering Wheatleys 002
La mia più grande avventura 2017 – L’onda

Abbiamo vissuto molte avventure fantastiche, ma la più memorabile è stata quella di ottenere un permesso per visitare una formazione rocciosa chiamata “The Wave”, situata in un’area protetta nel nord dell’Arizona chiamata Coyote Buttes North.

L’accesso all’area è consentito solo a 20 persone al giorno per proteggere e preservare l’incredibile paesaggio. L’intera area di Coyote Buttes North è un paese delle meraviglie di arenaria arancione e bianca, ma nella piccola area denominata The Wave, il vortice di roccia è così perfetto da assomigliare a un’onda dell’oceano.

Puoi partecipare a una lotteria online per tentare di vincere uno degli ambiti permessi con quattro mesi di anticipo o presentarti all’ufficio BLM per l’estrazione giornaliera di persona. 10 permessi al giorno sono riservati alla lotteria online e 10 alla lotteria di persona.

Ci sono voluti 6 frustranti tentativi di lottare di persona prima che il nostro numero fortunato venisse finalmente estratto. La concorrenza è agguerrita! Una persona ha provato a partecipare alla lotteria di persona per 38 giorni di fila prima di ottenere un permesso. Un altro ha provato per 17 giorni di fila prima di rinunciare, senza mai avere l’opportunità di visitarlo.

The Wave Arizona Wandering Wheatleys 004

La città più vicina è Kanab, nello Utah, che dista circa 50 miglia. Per arrivare a The Wave, dovrai guidare per circa 30 minuti lungo una strada sterrata e poi camminare per 3 miglia su un terreno roccioso e accidentato.

Il sentiero è scarsamente segnalato, quindi si consiglia l’uso del GPS (la stazione dei ranger fornirà una mappa dettagliata e le coordinate GPS). Se inizi l’escursione prima dell’alba, probabilmente ti perderai un po’, ma avrai la zona tutta per te per qualche ora prima che arrivino le altre 19 persone.

E non cercare di intrufolarti: un ranger della BLM percorre il sentiero ogni giorno e raramente capita di non beccare qualcuno che fa escursioni senza permesso. La multa è salata!

Val di Wandering Wheatleys

8. Un laureato di Singapore in viaggio in Sud America

My Greatest Adventure In 2017 Uyuni Salt Flats 001

Ciao ragazzi! Sono Owen e vengo da Singapore! Ho vissuto una sola avventura nel 2017, ed è la più bella della mia vita: Due mesi dopo essermi laureata all’università, ho volato con un biglietto di sola andata in Brasile nel febbraio 2017 e attualmente (novembre 2017), sono arrivata in Colombia, il mio nono paese.

In questi 9 mesi ho frequentato gli sciamani nella giungla amazzonica, ho scalato i vulcani in Ecuador, ho fatto trekking a Machu Picchu, ho visitato le saline di Uyuni, ho osservato le stelle sull’Isola di Pasqua, mi sono infortunata in Patagonia, sono andata alla fine del mondo a Ushuaia, ho fatto snorkeling con i leoni marini in Argentina, ho festeggiato il carnevale in Brasile e molto altro ancora!

My Greatest Adventure In 2017 Machu Picchu 001

Il mio obiettivo è visitare tutti i 13 paesi del continente. Non è facile, vista la situazione di alcuni paesi, ma troverò una soluzione.

Molte persone pensano che sia pazza a volare dall’altra parte del mondo senza conoscere nessuno e senza sapere la lingua, ma mi sto divertendo come una matta e sto imparando tantissimo!

Per prepararmi a questo viaggio, ho seguito dei corsi di spagnolo, ho imparato l’autodifesa, ho risparmiato e ho avviato un’attività online che fornisce un reddito passivo che mi permette di fare tutto questo continuamente. Infatti, ho preso una pausa dai viaggi per realizzare questo sogno.

My Greatest Adventure In 2017 Perito Moreno Glacier Trekking 001

Quindi, se può farlo questo ragazzo asiatico di un piccolo paese, può farlo chiunque! I sogni non funzionano se non li fai tu!

Owen di My Turn To Travel

9. Immersione per la prima volta alle Maldive

My Greatest Adventure 2017 First Time Diving

Vivo in Sardegna, sono cresciuta in riva al mare e adoro nuotare. Durante i miei viaggi cerco sempre di combinare un buon mix di visite turistiche e culturali, avventura e una pausa in spiaggia se ne ho la possibilità.

Se il posto lo permette, faccio snorkeling: Adoro osservare la vita marina e posso passare ore a galleggiare nel mare, osservando pesci e coralli.

Ma le immersioni?

Non mi è mai passato per la testa. Mi è sempre sembrata una cosa piuttosto intimidatoria, per non dire un po’ pericolosa. E soffro il mal di mare, il che significa che stare seduti su una barca, con il mare mosso (o meno mosso), in attesa di entrare in acqua è quasi garanzia di vomito intestinale.

Inoltre, qualsiasi cosa riesca a vedere facendo snorkeling dovrebbe essere sufficiente a placare la mia sete di scoperta, giusto?

Beh, io l’ho pensato. E non ho ascoltato il mio ex, un appassionato di immersioni. O a tutti i miei amici che lo fanno di continuo. Almeno, non fino a quando non sono andata alle Maldive e mi sono resa conto che nel resort in cui alloggiavo c’era un centro immersioni e che le immersioni sarebbero partite dalla riva e non avrei dovuto soffrire il mal di mare. Così ho fatto un tentativo e ho deciso di fare un’immersione di scoperta.

L’istruttore mi ha spiegato alcuni trucchi (come respirare, come eliminare l’acqua dalla maschera, come far saltare le orecchie) e mi ha avvertito che più mi agitavo, più velocemente avrei respirato, prima l’aria nei serbatoi sarebbe finita e saremmo dovuti risalire.

Ha aggiunto che, in condizioni ottimali, avevamo aria sufficiente per circa 45 minuti.

Nel momento in cui sono andata sott’acqua e ho visto gli squali e la più grande varietà di pesci che abbia mai visto, ho capito che mi ero persa molto. Questo è stato l’unico rimpianto che ho avuto: non averlo fatto prima!

Mi sono divertito molto e mi sono sentito completamente a mio agio, tanto che ho trascorso 41 minuti sott’acqua, raggiungendo una profondità di 12 metri.

Inutile dire che ora ho intenzione di ottenere la certificazione!

Claudia da Le mie avventure nel mondo

10. L’alba sul vulcano Bromo a Giava, in Indonesia

Greatest Adventure 2017 Sunrise At Bromo Volcano In Java Indonesia 001

Sono le 3 del mattino e il villaggio di Probolinggo, sull’isola indonesiana di Java, sta ancora dormendo. Solo il rumore delle vecchie auto 4WD che si arrampicano sulle strade ripide disturba il silenzio.

La nostra auto è già in attesa davanti alla nostra semplicissima casa. L’autista sta ancora dormendo, e anche noi, ma cosa ci si può aspettare nel cuore della notte. Poco dopo, ci sediamo in macchina.

È una vecchia jeep rosso vivo che ci porterà sulle montagne per vedere l’alba.

Probollinggo si trova nella parte orientale di Java ed è famosa per il suo paesaggio vulcanico. È proprio qui, dove si trova il vulcano Bromo, ed è qui che ci stiamo dirigendo in questo momento.

Ci vogliono circa 30 minuti e un paio di buche per raggiungere la vetta. Per osservare l’alba che sorge sui vulcani, non devi stare sul vulcano ma nel punto designato per l’alba, che si trova un po’ lontano dai vulcani.

L’auto viene parcheggiata e ci avviamo rapidamente verso la vetta. Molte persone si trovano già qui e, mentre facciamo una piccola sosta in uno dei tanti punti per il tè, troviamo subito la posizione perfetta e aspettiamo semplicemente che il sole sorga.

È buio, il cielo sembra essere nuvoloso e l’alba non è affatto vicina. Aspettiamo. 20 minuti, 30 minuti, 40 minuti – e poi inizia. Rapidamente il cielo diventa un po’ rosso, un po’ arancione e poi giallo brillante quando il sole sorge dietro il vulcano.

È bellissimo! Ma questa non è ancora la fine della nostra avventura.

Appena terminata l’alba, torniamo alla macchina e ci dirigiamo verso il vulcano vero e proprio, scendendo e addentrandoci in quello che sembra essere un deserto. Cavalli vecchi e magri si fanno strada attraverso il terreno sabbioso, ma noi decidiamo di camminare – di camminare direttamente nel cratere del vulcano Bromo.

La strada è pesante, così come i ripidi gradini che ci portano al cratere, ma la vista ne vale assolutamente la pena. Il sole splende, il cielo è azzurro e il fumo che fuoriesce dal vulcano aggiunge una naturale sensazione di avventura.

Assolutamente stupefacente e qualcosa che rimarrà impresso nella nostra mente per sempre!

Anne & Clemens da Travellers Archive

11. In giro per l’Europa per 10 mesi con un cane

The Cute Village Of Edam

Quando si pensa all’avventura, le cose più ovvie che vengono in mente sono la partecipazione a un’attività fisica estenuante o l’avventurarsi in zone pericolose e poco visitate del mondo.

Ma non tutte le avventure devono essere di questo tipo: alcune avventure sono più che altro una sfida alla tua zona di comfort e al superamento delle tue stesse aspettative.

Dopo aver preso un cane 5 anni fa (quando ero in una fase di “assestamento”), non ho mai provato o previsto di viaggiare con lui. Il mio paese d’origine, l’Australia, non è il posto più adatto ai cani, soprattutto per i viaggi, e andare all’estero con lui era fuori questione, visti i lunghi voli e la quarantena per rientrare.

Siamo arrivati al 2016, quando io e mio marito abbiamo deciso di partire per un viaggio a lungo termine e lui si è trasferito dai miei genitori per la durata del nostro viaggio di 6 mesi nel sud-est asiatico.

Tornati in Australia per Natale, abbiamo iniziato a pianificare il nostro prossimo e ancora più lungo viaggio in Sud America. C’era solo un problema: non avevamo la possibilità che nessuno dei nostri familiari accettasse di occuparsi del nostro cane.

E siamo stati irremovibili nel dire che non l’avremmo dato via. Quindi c’era solo una soluzione: sarebbe venuto con noi.

Dato che avevamo poca esperienza di viaggi con un cane e che il Sud America non sembrava il continente più adatto ai cani, abbiamo cambiato rotta e abbiamo deciso di andare in Europa, la destinazione più adatta ai cani.

Ciò comporterebbe alcuni cambiamenti nel nostro stile di viaggio e limitazioni che vanno dagli hotel e Airbnb che non ammettono i cani ai voli economici Ryanair o EasyJet. Per non parlare del fatto che i cani non sono ammessi nella maggior parte dei musei, delle gallerie d’arte e delle cattedrali, di cui ce ne sono parecchi in Europa.

Ma nonostante i problemi extra, abbiamo trascorso gli ultimi 10 mesi viaggiando in 19 paesi europei con il nostro ometto e non cambieremmo mai l’esperienza. Se me lo avessi chiesto un anno fa, ti avrei risposto che non era possibile. Ma se vuoi davvero far funzionare qualcosa, c’è sempre un modo per renderlo possibile!

Shandos da Travelnuity

12. Nuotare con le megattere a Tonga

Image1

Uno dei viaggi più belli che abbia mai fatto è stato volare a Tonga per nuotare con le megattere. È uno dei pochi posti al mondo in cui è legale entrare in acqua con una megattera selvatica.

Non ti è permesso toccare le balene e devi stare ad almeno quattro metri di distanza da loro, ma entrare in acqua con una balena di 36.000 kg è un’esperienza assolutamente straordinaria.

Tonga sta cominciando ad attirare l’attenzione come luogo in cui andare perché è possibile nuotare con le megattere nelle acque limpide che circondano le isole (ci sono regole severe in merito per mantenere gli animali al sicuro).

Ho volato sull’isola di Ha’apai, a Tonga, che ha un’atmosfera davvero rilassata, bellissime palme e una barriera corallina proprio davanti al nostro alloggio. Ho trascorso una settimana nuotando con le balene che vengono a Tonga per trovare le acque poco profonde dove far nascere i loro piccoli.

Esatto, questa non è un’escursione per l’avvistamento delle balene. Puoi entrare in acqua con le balene e nuotare con loro. In quel momento ti rendi conto di quanto siano grandi e continuavo a dire nella mia mente: “Non posso credere che lo sto facendo!

Image2

Una delle mie esperienze preferite della settimana è stata una “passeggiata” di due ore con una madre e un vitello. Spesso si vedono per primi i cuccioli di balena, che devono venire a prendere aria più spesso delle loro madri.

La madre si stava rilassando sul fondo del mare, mentre il vitello saliva in cima per respirare e poi veniva a controllarci prima di tornare dalla madre.

È quasi come un momento di “sballo” quando il vitello va su e giù e riesce a trattenere il respiro solo per 5-10 minuti, mentre la madre riesce a trattenere il respiro per 30-40 minuti: un’esperienza assolutamente da fare.

Nicole di Travelgal Nicole

13. Safari in Tanzania

The Serengeti
Ghepardo nel Serengeti

La mia più grande avventura del 2017 è stata un safari in Tanzania. Durante il mio viaggio di sei giorni ho visitato il Parco Nazionale di Arusha, il Lago Manyara, il Serengeti e il Cratere di Ngorongoro.

Ogni luogo era unico, con panorami straordinari e una fauna selvatica variegata. Sono arrivata in Africa nervosa e incerta, ma sono partita con così tante esperienze indimenticabili che mi è dispiaciuto molto andarmene.

Il giorno successivo all’arrivo a Moshi, in Tanzania, ho fatto un tour di un giorno al Parco Nazionale di Arusha. Ciò che mi ha sorpreso di questo posto è stato quanto fosse rigoglioso e montuoso.

Abbiamo attraversato prati pieni di giraffe e zebre, seguito piste sterrate tra truppe di scimmie, camminato tra dolci colline fino a una bellissima cascata e ci siamo fermati per una breve pausa presso un lago pieno di cicogne.

Ngorongoro Crater 1
Cratere di Ngorongoro Gnu

Il giorno dopo sono partito per un safari di cinque giorni con un piccolo gruppo turistico. Il nostro primo parco è stato il Lago Manyara, una destinazione da sogno per me che ho sempre desiderato vedere i fenicotteri.

Quello che ho trovato lì è stato molto di più. Abbiamo osservato gli elefanti che si aggiravano nella macchia, abbiamo visto giraffe, zebre e gnu che si divertivano sulle rive del lago e abbiamo ammirato una palude davvero meravigliosa.

Il secondo giorno ci siamo diretti verso il Serengeti percorrendo una strada lunghissima e piena di buche. Dopo un breve periodo di permanenza nel parco, siamo stati così fortunati da vedere tre ghepardi incrociarsi proprio davanti a noi!

Nei due giorni successivi, vedemmo leoni che si riposavano sotto gli alberi di acacia, branchi giganteschi di elefanti che si aggiravano nelle pianure infinite, un leopardo che si aggirava nell’erba alta e una serie apparentemente infinita di giraffe, antilopi, zebre e gnu.

Il secondo giorno nel Serengeti, il nostro autista ci portò in una piscina dove c’erano più ippopotami di quanti potessi contarne. Abbiamo alloggiato in un campo tendato per le nostre due notti e la prima notte abbiamo sentito i leoni ruggire proprio fuori dalla nostra tenda.

Lake Manyara
Le zebre del Lago Manyara

Il quinto giorno ci siamo incamminati lungo la ripida strada a trazione integrale che conduce alla vasta caldera del cratere di Ngorongoro. A differenza del Serengeti, dove gli animali erano sparsi a grandi distanze, gli animali del Cratere di Ngorongoro erano visibili uno dopo l’altro.

Incredibilmente, il nostro autista è riuscito persino a trovare un raro rinoceronte!

Alla fine del mio viaggio, mi sono sentita rivitalizzata e incredibilmente grata. Poter osservare da vicino la bellezza della natura è stata un’esperienza indimenticabile e non vedo l’ora di tornarci!

Mary di Lifelong Adventures

14. Zip Lining alle Hawaii

Temporary 1

Il nostro viaggio di tre settimane alle Isole Hawaii è stato ricco di esperienze bellissime, uniche ed esaltanti. La Big Island delle Hawaii è stata la nostra prima isola visitata.

Gite in elicottero, osservazione notturna dei vulcani, immersioni nei sottomarini e gite in jeep erano solo alcune delle nuove avventure del nostro itinerario.

Lo Zip Lining era un po’ fuori dalla mia zona di comfort, ma ho voluto provare.

La nostra giornata è iniziata con un viaggio dal Fairmont Orchid a Hilo con il nostro tour KapohoKine Adventures. Abbiamo fatto una sosta al centro di registrazione delle rinunce e per farci pesare (non sono molto entusiasta di questa parte).

La salita alla montagna è stata molto suggestiva, ma preparati ad affrontare un percorso molto accidentato! Dato che mio marito ha prenotato il tour, non ho fatto molte domande. Non c’è da preoccuparsi, sono stato informato su tutto durante l’ampio orientamento.

Qui ho scoperto che avremmo fatto una Zipline a 8 stazioni, lunga quasi due miglia (la più lunga di Big Island) e a 160 piedi di altezza.

Riceverai tutte le precauzioni di sicurezza, la salita sulle piattaforme, l’imbracatura e i sistemi di frenata. Sono stata molto sollevata quando ho scoperto che si tratta dell’unica zip line a doppio binario che si trova proprio accanto a mio marito.

Alleviano alcune paure fino a quando non è il tuo turno di salire sulla pedana e poi sulla scatola. Ti ho detto che ho 54 anni e che ho un po’ di paura dell’altezza?

Il “box”; per qualche motivo, dover salire su un box di 2 metri per 2 e aspettare il “segnale di via” è stata la parte più scomoda per me.

Quindi eccoci qui, la prima stazione è per darti un piccolo assaggio, ed è stato divertente! Non vedevo l’ora di passare alla stazione successiva. Ogni gita in Zipline è stata fantastica!

La sensazione di volare in aria è incredibile! I panorami di questo paradiso tropicale sono straordinari, con l’Oceano Pacifico come sfondo blu brillante mentre si vola verso di esso.

Presto ci accingemmo a superare le piogge. A questo punto ho deciso di fare un video, o me ne pentirò! Sono orgogliosa di me stessa per essere riuscita a lasciare andare la mia “presa per i fondelli”.

Esilarante è la parola migliore per descrivere lo Ziplining alle Hawaii. Se hai dei programmi da fare, assicurati di non saltare questa attività che può essere praticata da tutta la famiglia e che è davvero divertente.

Sherrie di Travel by a sherrie affair

15. Esplorare Muskoka, Ontario, Canada

Muskoka 003

Ho visitato il Canada la scorsa estate, è la prima volta che ci vado e non vedo l’ora di vedere le sue meraviglie naturali mozzafiato. L’occasione perfetta si è presentata quando ho raggiunto mia sorella e le sue amiche durante il loro viaggio a Muskoka.

Muskoka, spesso chiamata “cottage country” dagli abitanti di Toronto, è nota per i suoi paesaggi mozzafiato e per le varie attività ricreative che si possono praticare.

Si trova a circa 2 ore da Toronto; ecco perché molti torontoniani hanno un cottage qui per i loro weekend.

Ma per questo viaggio abbiamo deciso di prenotare un hotel sul lago, il JW Marriot, The Rosseau Muskoka Resort, and Spa. È un hotel fantastico con una vista incredibile sul lago Rosseau.

A parte la piscina, la spa e gli altri servizi dell’hotel, questo è il posto perfetto per noi grazie alla sua comoda posizione. Ci offre un facile accesso per esplorare la zona. Abbiamo noleggiato i loro kayak e le loro canoe per fare il giro del lago e visitare le piccole isole, facendo un buon allenamento per la parte superiore del corpo e prendendo il sole.

Ho imparato che i canadesi amano il sole e cercano di prenderne il più possibile quando possono. Abbiamo anche potuto noleggiare una bicicletta per esplorare le aree circostanti l’hotel. Ci hanno fornito una mappa del percorso facile da seguire.

È così bello andare in bicicletta sul loro sentiero costeggiato da alberi colorati. Abbiamo anche avuto la possibilità di vedere alcuni animali selvatici. Abbiamo visto un cervo attraversare la strada!

Un’altra cosa che abbiamo fatto a Muskoka è stata visitare una fattoria e una cantina di mirtilli rossi. Non avevamo idea di come venissero coltivati e raccolti i mirtilli prima di visitare questo luogo incantevole. Abbiamo anche fatto una breve escursione sul loro sentiero estivo, che comprende un tour ecologico autoguidato.

Nel complesso, per me è un viaggio piuttosto epico. È la mia prima volta non solo in Canada ma anche in Nord America. Questo lato del mondo mi ha lasciato un’ottima impressione e sicuramente tornerò per esplorarlo ancora.

Mark di Staycation Philippines

16. Immersione con le mante nel Parco Nazionale di Komodo

Manta Ray In Komodo
Manta Ray nel Parco Nazionale di Komodo

Quando ho visitato il Parco Nazionale di Komodo, sapevo di voler fare immersioni, ma non mi aspettavo che il mondo sottomarino sarebbe stato il più bello su cui avessi mai posato gli occhi.

Sapevo che le correnti erano forti in questa parte del mondo e che sarebbe stato impegnativo, quindi ho cercato a Labuan Bajo, sull’isola di Flores, un’azienda di immersioni che mi ha fatto sentire estremamente a mio agio e rassicurato sulla possibilità di immergermi con loro. Ho scelto un piccolo negozio di immersioni gestito da una signora italiana.

Durante la mia ricognizione, ho scoperto che tutti erano davvero appassionati delle mante della zona. Questo mi ha reso estremamente eccitato, ma anche un po’ nervoso, soprattutto quando ho scoperto che le mante sono larghe circa 4,5 metri.

Non avevo mai visto una creatura di tale portata sott’acqua.

Il giorno delle immersioni il tempo non era dei migliori, quindi c’era la possibilità che non riuscissi a immergermi e che, se tutto fosse andato per il verso giusto, la visibilità non sarebbe stata così elevata.

Quindi, tra la tiritera del negozio di immersioni “l’avvistamento non può essere garantito” (comprensibilmente) e le condizioni, le mie aspettative per la giornata erano molto basse.

Con mia grande sorpresa, la prima immersione ha confermato che la visibilità sottomarina era fantastica. Il sito di immersione era uno spettacolare giardino di coralli e un’abbondante popolazione di tartarughe, ma non c’erano mante in vista.

La seconda immersione è stata altrettanto mozzafiato, colorata e piena di vita come se fossi all’interno di un acquario. Solo al terzo tuffo è avvenuta la vera magia. L’immersione è iniziata su un banco di sabbia con pochi coralli.

Abbiamo avvistato molte piccole creature come seppie fiammeggianti, granchi arlecchini e nudibranchi. All’improvviso, questa grande e maestosa creatura che sembrava un incrocio tra un uccello subacqueo e un pipistrello, iniziò ad avvicinarsi a noi.

Scivolando nell’acqua, battendo le sue “ali” sembrava che stesse volando. Dovevamo rimanere fermi per non disturbarlo, il che era davvero difficile con tutta l’eccitazione. Dopo la prima manta, ne è arrivata un’altra, e un’altra, e un’altra ancora… Ne ho contate sette in totale! E che spettacolo!

Quello fu il giorno in cui mi innamorai di queste meravigliose creature.

Inutile dire che il giorno dopo sono tornata per averne ancora e non vedo l’ora di rifarlo l’anno prossimo.

Teresa di Brogan Abroad

17. Visita al progetto Elephant Valley in Cambogia

Ellies Scratching

Poiché l’ecoturismo si sta diffondendo, le compagnie di viaggio stanno lentamente adottando pratiche più etiche e sostenibili.

Ecco perché mi ha incuriosito l’Elephant Valley Project (EVP) con sede a Mondulkiri, in quello che è conosciuto come il selvaggio est della Cambogia, per lo più inesplorato.

I loro servizi sono completamente sostenibili e mirano a riabilitare gli elefanti catturati e trattati duramente. Dopo aver visto i poveri elefanti usati come imbarcazioni per trasportare le famiglie straniere in sovrappeso in giro per Angkor Wat, il mio cuore è affondato.

Per questo motivo il trekking nella giungla di Mondulkiri per vedere gli elefanti che si divertono in libertà mi è sembrato un’avventura rinfrescante. Sebbene ci siano stati alcuni commenti su come l’EVP abbia guadagnato il terreno dove gli elefanti potevano vagare, il trattamento degli animali sembrava all’altezza e ho deciso di dare un’occhiata.

Washing The Ellies

Arrivare all’ufficio è stato un piacere perché funge anche da caffetteria. Dopo un breve briefing, una ventina di persone (alcune volontarie, altre che hanno pagato l’escursione) sono state fatte salire su un autobus e si sono dirette verso la giungla. Con il gruppo c’erano tre guide, tra cui una straniera e una locale, ed erano estremamente competenti sia sull’area che sugli elefanti in generale.

Scendemmo dalla collina in quello che sembrava un forno di foresta pluviale e finimmo al ruscello. Abbiamo aspettato per circa 10 minuti finché non abbiamo sentito un rumore tra i cespugli e il suono caratteristico dei mahout che gridavano i loro richiami agli elefanti loro assegnati.

Sono scesi dalla collina di fronte a noi, giusto in tempo per il loro bagno mattutino. Questi elefanti sono tutti salvati e l’EVP insegna loro a tornare a essere elefanti. Ad esempio, la maggior parte di loro non sa che deve lavarsi ogni giorno per eliminare il fango in eccesso. Così i mahout insegnano loro.

Era uno spettacolo magico da vedere.

Gli elli si muovono liberamente e non possono essere cavalcati o lavati (se non dai mahout), quindi il gruppo li ha seguiti mentre si muovevano nella giungla.

Abbiamo ascoltato i loro distinti suoni e grugniti e abbiamo appreso che c’era una gerarchia nel gruppo appena formato con una matriarca, un guardiano e così via. Abbiamo fatto una pausa al soggiorno EVP, dove la maggior parte di noi si è addormentata in mezzo al verde dopo un pranzo a buffet.

Ci siamo poi uniti agli Ellini per un’ultima volta prima di risalire verso l’autobus. Nel complesso, il trekking è stato faticoso a causa del caldo, ma vedere gli elefanti in libertà, semplicemente felici, mi ha scaldato il cuore e mi ha dato fiducia nel rispetto della natura da parte delle persone.

Callan da Singapore N Beyond

Rate this post

Protect your trip: With all our travel experience, we highly recommend you hit the road with travel insurance. SafetyWing offers flexible & reliable Digital Nomads Travel Medical Insurance at just a third of the price of similar competitor plans.