Skip to Content

La porta dell’inferno in Turkmenistan

Il cratere gassoso di Darvaza, soprannominato dai locali “Porta dell’Inferno” o “Porta dell’Inferno”, è a dir poco straordinario.

Sebbene sembri qualcosa che si vede solo nei film o il risultato di qualche inspiegabile azione aliena, il buco non è sorprendentemente un fenomeno naturale.

Guarda il mio Time-Lapse della Porta dell’Inferno:

In realtà si tratta di un incidente di percorso dovuto a un progetto di trivellazione realizzato negli anni ’70 da una squadra di geologi sovietici quando la Repubblica faceva ancora parte dell’Unione Sovietica.

Anche se si tratta di un evento non intenzionale, i geologi stavano lavorando su un enorme cratere di gas naturale.

Fortunatamente nessuno sembra essersi ferito durante l’incidente, ma il cratere ha ora un diametro di circa 60 metri e una profondità di 65,5 piedi.

Porta Dell'Inferno Derweze Turkmenistan
La Porta dell’Inferno durante il giorno. – ©Universal Traveller di Tim Kroeger

In origine, gli scienziati erano preoccupati per i gas emessi dal crollo. Erano preoccupati che potesse essere velenoso e pensarono che sarebbe stato meglio incendiarlo e bruciare i gas.

Inizialmente si pensava che sarebbe bruciato per un paio di giorni, al massimo qualche settimana, ma a distanza di decenni sta ancora bruciando senza che se ne preveda la fine, visto che si tratta di una delle più grandi riserve di gas al mondo.

Situato nel bel mezzo del deserto, a circa 4 ore di macchina dalla capitale turkmena Ashgabat, il cratere è davvero il più remoto possibile.

Non ci sono ristoranti, negozi per turisti o alloggi da visitare, ma molti turisti hanno sfidato il deserto dopo il tramonto e si sono accampati accanto al cratere per ammirare il panorama notturno.

Poiché si trova fuori dai sentieri battuti, si consiglia di utilizzare un veicolo fuoristrada per raggiungere la Porta dell’Inferno.

Porta Dell'Inferno Turkmenistan
©Universal Traveller di Tim Kroeger

Gran parte del deserto ha una strada asfaltata, ma l’ultima parte del viaggio è un terreno desertico naturale e non vorrai certo rimanere bloccato nella sabbia.

Essendo nel bel mezzo del deserto del Karakum, non ci sono punti di riferimento per la localizzazione.

Anche se non c’è molto da vedere, i viaggiatori possono ammirare branchi di cammelli selvatici lungo le strade che masticano la loro erba mentre si meravigliano della bellezza naturale del deserto.

Il cratere di gas di Darvaza è essenzialmente un grande buco nel terreno e non c’è molto altro nei dintorni; può essere difficile da trovare, soprattutto in pieno giorno.

Non c’è un unico percorso da seguire, quindi è meglio avere un piano in anticipo prima di partire.

Il vero spettacolo è di notte.

Porte Dell'Inferno Turkmenistan
©Universal Traveller di Tim Kroeger

Di notte è un sito [and extremely hot] bellissimo da vedere. L’illuminazione del cratere può essere vista da chilometri di distanza nelle ore serali.

È comune vedere la fauna selvatica del deserto intorno al cratere, tra cui spicca il ragno cammello, che non è velenoso per gli esseri umani ma può comunque essere uno shock da vedere se inaspettato.

I fortunati visitatori che possono visitarla devono prestare la massima attenzione perché non ci sono barriere di sicurezza per evitare di avvicinarsi troppo.

Quindi la cautela spetta ai singoli ospiti.

Questo episodio di SciShow spiega meglio la Porta dell’Inferno:

Questo post è stato utile? Se è così, assicurati di appuntarlo per consultarlo in seguito!

Porta Dell'Inferno Turkmenistan Ashgabat

Rate this post

Protect your trip: With all our travel experience, we highly recommend you hit the road with travel insurance. SafetyWing offers flexible & reliable Digital Nomads Travel Medical Insurance at just a third of the price of similar competitor plans.