Skip to Content

Death Road Bolivia – Com’è pedalare sulla strada più pericolosa del mondo?

Unisciti a una delle più grandi avventure e percorri la Strada della Morte in Bolivia (North Yungas Road), una delle strade più pericolose del mondo.

Nel profondo delle Ande, la Death Road, in Bolivia, si snoda tra strette pareti rocciose e strazianti curve cieche.

Roccia e montagne a strapiombo si arrampicano per centinaia di metri su un lato dello stretto passo.

Dall’altra, non c’è altro che aria vuota e un salto di un chilometro: nessuno può sopravvivere.

La Death Road, Bolivia, o ufficialmente North Yungas Road, Bolivia, è stata spesso oggetto di attenzione internazionale da quando, nel 1995, è stata nominata una delle strade più pericolose del mondo.

Leggi anche: I migliori tour e viaggi d’avventura

Guarda:

Strada degli Yungas del Nord Strada della morte Bolivia – Bolivia

Negli anni ’30, il governo boliviano costruì la strada con i prigionieri di guerra paraguaiani catturati durante la guerra del Chaco.

Dopo la costruzione, la strada aveva una sola corsia stretta, senza guardrail e senza asfalto.

La mancanza di infrastrutture di drenaggio ha reso pericolosamente comuni gli smottamenti e l’erosione.

Leggi anche: Lista definitiva delle migliori cose da fare in Bolivia

Tuttavia, per i successivi 80 anni, la Death Road è stata l’unico collegamento tra La Paz e la città di Coroico.

Di conseguenza, la strada è stata interessata da un flusso costante di traffico pesante che ha causato migliaia di vittime.

Come ha preso il nome la Strada della Morte della Bolivia?

Le Strade Più Letali Del Mondo

La Strada della Morte si è guadagnata il suo lugubre nome a causa del numero quasi impossibile di morti che ha subito nel corso della sua vita.

Fino alla metà degli anni ’90, 200-300 automobilisti sono usciti fuori strada e sono precipitati giù per la parete rocciosa fino alla loro fine – quasi un morto al giorno.

Il 24 luglio 1983 si verificò uno dei peggiori incidenti della memoria boliviana, che cementò la Strada Nord Yungas come la strada più pericolosa della Bolivia.

Quel giorno la strada fece più di 100 vittime quando un autobus sovraffollato scivolò dalla montagna e fece una fine spaventosa.

Fortunatamente, negli ultimi 20 anni, le condizioni stradali mortali che i viaggiatori hanno affrontato per tanto tempo sono state corrette.

Alla fine degli anni 2000, la nuova Yungas Road ha modernizzato alcune parti di quella originale con corsie larghe e asfaltate a doppio senso di marcia, guardrail e canali di drenaggio.

Strada Della Morte La Paz
Nella parte superiore, le temperature sono basse.

Gli architetti della nuova strada hanno scelto di bypassare la parte più pericolosa della vecchia strada in favore di un tratto completamente nuovo insieme a un altro passo meno famoso.

Di conseguenza, l’originale Strada della Morte è oggi frequentata soprattutto da gente del posto diretta verso destinazioni rurali servite solo dal vecchio sentiero.

Tuttavia, la reputazione di questa strada attira anche un altro tipo di viaggiatore: l’avventuriero adrenalinico che spera di sopravvivere alla corsa in bicicletta più pericolosa del mondo.

Come scegliere l’azienda giusta?

Strada Yungas Sud
Inizio del nostro tour in bicicletta sulla Strada della Morte in Bolivia.

Se vuoi sfidare la sorte e provare a percorrere la Bolivia Death Road in bicicletta, dovrai innanzitutto scegliere la compagnia turistica giusta.

Sono nate diverse compagnie di tour d’avventura per aiutare i ciclisti a conquistare la strada. Quasi tutti hanno sede nella città boliviana di La Paz.

I prezzi dei tour possono variare molto da compagnia a compagnia, da 50 a 150 dollari.

Data la reputazione della strada, non volevo rischiare altri incidenti dovuti a guide inesperte o a un equipaggiamento inadeguato.

Ecco perché ho scelto di lavorare con una delle aziende più affidabili: Gravity Bolivia.

Viaggio In Bicicletta Sulla Strada Della Morte In Bolivia

Tra tutte le aziende che offrono tour in bicicletta sulla Death Road, Gravity è quella che opera da più tempo.

Lavorando con loro, ho capito perché. Le loro guide erano professionali e le loro biciclette erano di alta gamma e ben tenute.

Si sono anche fatti in quattro per assicurarsi che tutti noi tornassimo a casa alla fine della giornata.

Le biciclette avevano freni eccellenti e ben calibrati, e venivano forniti anche caschi e altri dispositivi di protezione.

Le nostre guide ci hanno persino fermato davanti a tratti di strada pericolosi per fornire istruzioni e briefing di sicurezza dettagliati e precisi.

Il tour

Ciclismo Morte Strada Bolivia
Ultima foto prima di iniziare a percorrere la vera e propria Strada della Morte

Il tour è iniziato la mattina presto a La Paz, dove gli otto partecipanti (cinque avventurieri e tre guide) sono saliti su un furgone e sono partiti alla volta del punto più alto della Death Road.

Il viaggio verso la cima è durato un’ora. La giungla fitta e brulicante lasciava il posto a maestose montagne scoscese man mano che salivamo.

Di solito questo basterebbe a far divertire chiunque, ma eravamo tutti un po’ nervosi, chiedendoci in cosa ci fossimo cacciati.

L’avventura è iniziata in cima, a quasi 5000 metri di altezza. Scendemmo dal veicolo, ci sgranchimmo le gambe, controllammo le biciclette un’ultima volta e poi ci incamminammo lungo la stretta strada di montagna.

Fortunatamente il primo chilometro del percorso era asfaltato, ma dopo di esso ci siamo imbattuti in un pezzo della vecchia Death Road che non aveva visto molti miglioramenti in quasi un secolo.

Autostrada Pericolosa

Per i successivi 40 chilometri, abbiamo costeggiato e pedalato sullo sporco roccioso e umido della strada più pericolosa del mondo. Quando abbiamo iniziato, le nostre nocche sono diventate bianche e i nostri cuori battevano all’impazzata.

Non ho molta paura delle altezze, ma con il bordo della scogliera a pochi metri di distanza e il terreno un chilometro più in basso, è stato difficile guardare fuori e godersi le vaste valli della strada e le bellezze naturali imponenti.

Tuttavia, man mano che ci abituavamo ai numerosi solchi, alle rocce, alle curve strette e alle cadute sempre presenti, ci rilassavamo e ci divertivamo.

Sebbene Gravity orienti i suoi tour verso gli amanti dell’adrenalina, il percorso offre alcuni dei migliori panorami del Sud America.

La strada ci ha portato dietro alle cascate che scendono dalla montagna da centinaia di metri di altezza.

Nel corso delle cinque ore di viaggio, siamo scesi per circa due chilometri: dalle cime delle montagne e dall’aria fredda e sottile, attraverso la giungla soffocante e la fitta nebbia della foresta pluviale.

È stata un’esperienza senza precedenti.

Strada Della Bolivia

Le nostre guide sono state felici di condividere con noi i loro punti di vista preferiti. Ci siamo spesso fermati e smontati per scattare foto e osservare la natura selvaggia e spietata.

Inoltre, mi ha fatto piacere scoprire che le guide hanno documentato il nostro viaggio con le loro foto. Gravity ci ha messo a disposizione tutto tramite Dropbox, gratuitamente.

Tuttavia, non è stato tutto rose e fiori. Il pericolo di cadere nel baratro era sempre presente. Quando mi sono documentato sul percorso, ho letto che alcuni tratti di strada presentano dislivelli di 1000 metri.

Morte Della Strada
Foto di squadra

Non avevo idea di come fosse un chilometro in discesa. E vederlo di persona è stato irreale.

Croci e oggetti d’epoca erano disseminati ai margini della strada, ognuno in memoria di una persona cara a cui la strada aveva tolto la vita.

Quando abbiamo raggiunto la fine del nostro viaggio nella città boliviana di Coroico e abbiamo pagato la nostra tassa turistica di 50 bs, eravamo euforici ma anche esausti e più che sollevati.

Cose da sapere prima di visitare la Strada della Morte in Bolivia

Sulla carta, pedalare sulla Death Road Bolivia non sembra troppo difficile. Certo, con i suoi 40 chilometri è un percorso più lungo di quello a cui sono abituati i non ciclisti, ma è quasi interamente in discesa.

Quindi, anche se non sei un ciclista abituale, è comunque fattibile, a patto che tu non abbia paura dell’altezza.

Mappa Stradale Di Yungas

Ecco alcune cose da sapere prima di visitare la Death Road.

1. È una giornata estenuante.

Percorrere la strada in bicicletta non è una cosa da fare per capriccio dopo una serata in città. Molti tour sbarcano da La Paz prima dell’alba e non rientrano prima del tramonto.

Inoltre, per gran parte della giornata, sarai sottoposto a un’immensa tensione fisica e psicologica.

Assicurati di essere ben riposato e fai delle ricerche per avere un’idea più precisa di cosa aspettarti.

2. Assicurati di indossare strati.

La Death Road scende per oltre due chilometri da un’altezza massima di 4700 metri. Quando inizi, l’aria può essere fredda e insensibile.

Ma, poche ore dopo, ti ritroverai circondato da un’umidità soffocante e da una fitta foresta pluviale.

Indossa una o due giacche termiche sotto la giacca antipioggia che puoi togliere quando fa troppo caldo.

3. La strada della morte si è guadagnata il suo nome per un motivo.

Non si tratta di un tour asettico. La maggior parte della strada è sterrata e l’erosione spesso porta alla luce grandi rocce che possono buttarti giù dalla sella se non sei vigile.

Non ci sono guardrail e solo il tuo ingegno e la tua abilità ti terranno al sicuro.

Regole della strada

La Strada Della Morte In Sud America
Strada della morte Bolivia

Un’interessante regola della strada, unica nella Death Road, è che tutti guidano (e pedalano) sul lato sinistro.

Come nella maggior parte del mondo, anche in Bolivia gli automobilisti guidano sul lato destro della strada. Tuttavia, a causa delle cadute precarie della vecchia strada e della mancanza di guardrail, sia i ciclisti che i veicoli devono rimanere sulla sinistra.

Nel nostro itinerario, questo significava combattere il nostro istinto e pedalare più vicino al bordo della scogliera che alla montagna. Ma, una volta che ci siamo abituati, la regola aveva senso.

Pedalando sulla sinistra, vicino alla scogliera, gli automobilisti di passaggio potevano sorpassare vicino alla montagna con meno rischi di finire fuori strada.

Un’altra nota: i ciclisti incontreranno altri veicoli, anche se la strada è molto meno trafficata di un tempo.

Quando ciò accade, è meglio guidare in modo prevedibile e non fare curve o movimenti improvvisi.

Inoltre, non è raro trovarsi di fronte al traffico in arrivo quando si affronta una curva a gomito, quindi affronta le curve con calma.

Statistiche di Death Road

Strada Morta Bolivia

Anche se non c’è modo di prepararsi completamente a un viaggio sulla Death Road, le statistiche e i numeri che circondano la strada dipingono un quadro inquietante:

La maggior parte della vecchia strada è largasolo per unsingolo veicolo. Questo rende il sorpasso sempre pericoloso e possibile solo in alcuni tratti.

900 metri di dislivello: lungoi tratti più ripidi e alti non c’è nulla che possa fermare la caduta per quasi un chilometro.

300 morti: ilnumero medio di automobilisti uccisi ogni anno al culmine dell’utilizzo della strada. In totale, la strada ha causato migliaia di vittime.

22 morti: ilnumero di ciclisti morti in strada dal 1998.

La strada della morte è ancora pericolosa?

La Strada Più Letale Della Bolivia

La risposta breve: assolutamente sì!

Ma, in realtà, le probabilità di sopravvivere sono ancora molto alte.

Dal 1998 ci sono stati 22 decessi documentati in bicicletta (una media di un decesso all’anno).

Gran parte della Death Road rimane non migliorata e pericolosa come nel 1995, quando si guadagnò il titolo di strada più pericolosa del mondo.

Tuttavia, al giorno d’oggi, grazie alla nuova e più sicura circonvallazione tra La Paz e Coroico, sono molte meno le persone che finiscono sulla strada.

Se hai intenzione di percorrere la Death Road in bicicletta, la cosa migliore da fare è scegliere una buona compagnia di tour con biciclette moderne, attrezzature di sicurezza certificate e guide esperte.

Se non vai in bicicletta da un po’ di tempo, probabilmente dovresti provare un percorso meno letale.

Stai cercando ispirazione per viaggiare in Sud America? Dai un’occhiata ai miei articoli su Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador e Perù.

Altre foto

Worlds Most Dangerous Road
Preparare l’attrezzatura per il tour
Death Road Bolivia
Briefing di squadra
Most Dangerous Roads In The World
Pronti a partire
Worlds Most Dangerous Road Bolivia
Bolivia Dangerous Road 3
North Yungas Road
Most Dangerous Road In Bolivia
Yungas Bolivia

Questo post è stato utile? Se è così, assicurati di appuntarlo per consultarlo in seguito!

Morte In Bicicletta Del Grande Nord
Rate this post

Protect your trip: With all our travel experience, we highly recommend you hit the road with travel insurance. SafetyWing offers flexible & reliable Digital Nomads Travel Medical Insurance at just a third of the price of similar competitor plans.