Skip to Content

Vanlife – Il mio sogno – o forse no?

Il mio sogno è viaggiare per il mondo con un camper e svegliarmi ogni mattina con un panorama meraviglioso. Per non iniziare la nuova avventura completamente impreparata, ho chiesto ad altri blogger di viaggio le loro esperienze di vita in furgone. Oggi Barbara racconta il suo primo viaggio in furgone.

Scritto da Barbara Röss

La colpa è di YouTube!

Sì, onestamente.

Negli ultimi anni, YouTube mi ha fatto pensare che avrei dovuto lasciare la mia vecchia, bella e tranquilla vita a Maiorca e vivere in un furgone. Il virus della vita da furgone mi ha sempre più incantato.

Fin dall’inizio ho avuto dei dubbi sul fatto che avrei chiuso gli occhi come donna, ma poi mi sono convinta: La Vanlife è il mio sogno. Voglio andarci. Voglio farlo.

Per mesi ho guardato i video di Van Life su YouTube.

Come posso ampliare il mio furgone? Quale modello dovrebbe essere? Per mesi mi sono anche chiesto se avessi bisogno di un bagno e/o di una doccia.

Ho disegnato piani di espansione, compilato liste della spesa. I miei amici erano infastiditi perché non parlavo d’altro. Ma poi, poche ore prima di firmare il contratto di vendita di un costosissimo Sprinter, mi è venuto in mente un pensiero:

E se la vita da furgone non facesse per me?!

Leggi anche:

Vanlife-Testtour-Van-Am_Stausee
Vanlife-Testtour

All’improvviso mi sono reso conto che: Sono stato in campeggio solo una volta in tutta la mia vita e l’ho trovato terribile.

Poi ho alloggiato di nuovo in una roulotte per due notti e anche questo è stato terribile. La voce della ragione si fece sentire. Molto rumoroso.

Il mio istinto mi ha detto: “Chica: prima devi provare Vanlife!”. Così ho deciso di fare una settimana di prova in un furgone a noleggio. Nel nord della Spagna. In inverno. Da solo.

Solo una settimana? Sì, sono una persona che nota con relativa rapidità se qualcosa va bene o meno. Una settimana dovrebbe essere sufficiente per me. Inoltre, non volevo spendere tanti soldi prima di acquistare il mio Sprinter.

Noleggio del furgone

Vanlife Landschaft

Ho trovato un ottimo portale (yescapa.es) per il noleggio di furgoni e camper in Spagna in tempi relativamente brevi e, subito dopo la prenotazione, ho ricevuto una busta.

L’elenco delle dichiarazioni era lungo oltre 20 pagine e in spagnolo. Parlo spagnolo, ma non avevo mai sentito nessuna di queste parole.

Diceva qualcosa sulla sostituzione della bombola del gas e su cosa fare se il riscaldamento non funzionava più. Lentamente si sviluppò una sensazione di nausea nello stomaco.

La mia prima volta – Spagna del Nord in furgone

Vanlife Test Innen Elfie
sdr

Poiché non permetto a niente e a nessuno, nemmeno alla mia paura iniziale, di impedirmi di fare qualcosa, sono volata a Barcellona.

Dopo una piccola odissea con autobus e treni, sono arrivato al luogo dell’affitto e sono stato accolto da Jesus, il simpatico padrone di casa.

Mi ha spiegato tutto in uno spagnolo super veloce. Ho cercato di ricordare tutto… ma c’erano così tante cose. Il riempimento dell’acqua qui, il prodotto chimico nel bagno lì – ma non troppo, il gas qui, i problemi con il riscaldamento qui e là.

La mia testa stava fumando. Quanto mi sarebbe piaciuto che un altro paio di occhi e di orecchie avessero ascoltato il padrone di casa. Ma bene – cosa non lo è.

Dato che era già abbastanza tardi quando Jesus mi ha lasciato, ho deciso di rimanere in questo posto per la prima notte con il mio cagnolino Elfie.

C’era un parcheggio segnalato per i camper. L’ho trovato senza problemi, ma non c’era posto per me.

A quanto pare, anche nell’hinterland di Barcellona non puoi aspettarti di trovare un parcheggio a tarda sera. Ero costretto a parcheggiare sul ciglio della strada in una zona industriale e volevo sistemarmi.

Ho chiuso tutti gli schermi della privacy e mi sono sentita strana perché ora nessuno poteva più vedermi, ma non potevo nemmeno vedere cosa succedeva intorno a me.

Ho chiuso tutto e ho iniziato a disfare le valigie. Ho mangiato qualcosa. Sono andata a fare una passeggiata con Elfie – in una zona non proprio idilliaca – e mi sono sdraiata.

Ero stanco, ma dormire era fuori questione. Non ho dormito un minuto. Non un occhio chiuso. Mentre il mio cane russava con gusto per la stanchezza, io ero esausto ma ben sveglio.

Mille pensieri mi attraversarono la testa. “E se qualcuno mi vedesse parcheggiare qui e ora prendesse un seghetto e facesse un buco nel furgone per violentarmi?”.

SchöNe Orte Vanlife Testtour

Pensieri malati 2.0

Nella mia testa giravano pensieri che normalmente non mi vengono in mente nella vita e che, visti da lontano, sono probabilmente delle vere e proprie sciocchezze.

Ho cercato di pensare alle pecore. Non c’è possibilità. Il seghetto e le persone cattive che gasavano e derubavano i campeggiatori continuavano a tornarmi in mente.

Quella sera ho deciso: Avrei chiesto a un amico di passare spontaneamente il resto della settimana con me. Questo furgone era troppo costoso per non godersi la settimana.

I veri amici sono una manna per Vanlife

Reduan Ei Vanlife Test

Il mio amico Reduan era fuori dal lavoro in quel periodo e arrivò il giorno dopo. Ho dovuto pagargli il volo. Ma per me ne è valsa la pena.

Sono andata a prenderlo all’aeroporto con il furgone e finalmente ho potuto rilassarmi. In effetti, abbiamo percorso esattamente 80 km prima che dovessi andare a dormire in un’area di sosta.

La prima notte di sonno

In compagnia, sono riuscito ad addormentarmi la sera successiva. Fuori faceva un freddo cane. Meno 7 gradi! All’interno è comodamente caldo. Grazie al super riscaldamento a gas. Sono rimasto impressionato.

Cosa può fare un furgone come questo. L’unico problema: alle 2:30 del mattino la notte era finita. Ci siamo svegliati perché nel nostro furgone faceva terribilmente freddo. Il riscaldamento era spento. La spia “La bombola del gas è vuota” lampeggiava felicemente.

Così, nel cuore della notte, abbiamo provato a cambiare la bombola del gas. Ci siamo riusciti con dita gelide e buona fortuna, solo per scoprire che il padrone di casa ci aveva lasciato due bottiglie vuote a bordo.

L’unica alternativa per evitare di morire di freddo su questa montagna piena di correnti d’aria era accendere la macchina. Così abbiamo deciso di lasciare il motore acceso per riscaldare almeno un po’ il veicolo.

Non ha funzionato davvero. Alle 6 ci siamo arresi e abbiamo cercato la stazione di servizio più vicina.

Le piccole insidie del camper: non tutte le bombole di gas sono uguali

Gasflaschen Spiel Vanlife Testtour

Ciò che un profano spesso non sa, lo si impara a fatica. Ad esempio, non sapevamo che esistevano sistemi vecchi e nuovi di bombole di gas.

In pratica, nessun problema, a meno che le nuove bombole di gas non si inseriscano nello sportello in dotazione e tu debba cercare una stazione di servizio che venda ancora il vecchio sistema per quattro (!) ore.

Naturalmente, questo è un problema che si presenta solo una volta, perché poi si sa come muoversi. Tuttavia, sono stata ancora una volta felice di non dover affrontare questo episodio da sola.

Per quanto molti dei tour siano stati emozionanti, soprattutto a causa delle dimensioni del furgone, i dintorni erano così belli.

Il lato bello del test vanlife

Abbiamo trovato posti meravigliosi presso i laghi artificiali, dove ci siamo trovati da soli a gennaio e non riuscivamo a posare la macchina fotografica in un ambiente idilliaco.

Ma anche eccitante perché non è mai stato chiaro: dove possiamo davvero parcheggiare?! I veicoli della categoria del nostro furgone a noleggio erano spesso vietati.

Soprattutto sulla costa, ci siamo trovati sempre più spesso di fronte a cartelli che ci proibivano di entrare nelle zone della spiaggia. Il campeggio selvaggio era quasi impossibile sulla costa. Molto meglio nell’entroterra.

Ciò che un profano spesso non sa, lo si impara a fatica. Ad esempio, non sapevamo che esistevano sistemi vecchi e nuovi di bombole di gas. In pratica, nessun problema, a meno che le nuove bombole di gas non si inseriscano nell’apposito sportello e tu debba cercare una stazione di servizio che venda ancora il vecchio sistema per quattro (!) ore.

Naturalmente, questo è un problema che si presenta solo una volta, perché poi si sa come muoversi. Tuttavia, sono stata ancora una volta felice di non dover affrontare questo episodio da sola.

Il lato bello del test di vita del furgone
Per quanto molti dei tour siano stati emozionanti, soprattutto a causa delle dimensioni del furgone, i dintorni erano così belli.

Abbiamo trovato posti meravigliosi presso i laghi artificiali, dove a gennaio ci siamo trovati da soli sulla riva e non riuscivamo a posare la macchina fotografica per l’ambiente idilliaco.

Ma anche eccitante perché non è mai stato chiaro: dove possiamo davvero parcheggiare?! I veicoli della categoria del nostro furgone a noleggio erano spesso vietati.

Soprattutto sulla costa, ci siamo trovati sempre più spesso di fronte a cartelli che ci proibivano di entrare nelle zone della spiaggia. Il campeggio selvaggio era quasi impossibile sulla costa. Molto meglio nell’entroterra.

In realtà ho trovato più divertenti le piazzole dei camper, se non altro perché hai incontrato tante persone interessanti.

Tuttavia, questi luoghi comportavano sempre dei costi aggiuntivi che, a dire il vero, non avevo incluso nel mio budget. Beh, c’era qualcosa di più casalingo…

Tuttavia, questi luoghi comportavano sempre dei costi aggiuntivi che, a dire il vero, non avevo incluso nel mio budget. Beh, c’era qualcosa di più casalingo…

Vanlife Landschaft

Conclusioni dopo una settimana di vita in furgone

È stato un periodo emozionante, bellissimo, ma soprattutto stressante. Trovare posti in cui fosse possibile parcheggiare e che fossero comunque ragionevolmente carini ci ha fatto perdere così tanto tempo che non siamo andati molto lontano in una settimana.

App come “park4night” sono state particolarmente utili. Senza di loro, ci saremmo persi.

Abbiamo visto posti incantevoli, ma la cosa fondamentale è che una cosa rimane: Potrei abituarmi alla vita nel furgone.

Da solo? Probabilmente no.

Per due? Decisamente!

Lo spazio ridotto non mi disturba. E nemmeno la guida. Parcheggio in retromarcia con un furgone: nessun problema. Ma chi non riusciva a sopportare la vita di strada era il mio cane, Elfie.

Elfie non è un cane da furgone

Autorenfoto Barbara Elfie

Ho trovato il piccolo Ratero nella spazzatura a Maiorca ben cinque anni fa. A casa è un cane completamente rilassato, ma ad ogni sosta è quasi disperata.

I suoi segni erano spariti e non conosceva gli odori della nostra “casa”. Piangeva quando la lasciavamo sola in macchina, ad esempio per andare in bagno, ed era visibilmente stressata.

Si è rotta di guidare un’auto (cosa che normalmente non fa), ha avuto la diarrea ogni notte (non è bello stare in un furgone!) e ha pianto per quasi 15 minuti quando finalmente è tornata a casa sul suo divano.

L’antipatia di Elfie nei confronti dei camper era tale che non voleva nemmeno entrare nel furgone del mio amico per vederlo.

Quindi ho concluso: finché questo cane esisterà, resterò con il mio sedere a casa.

Quando il mio piccolo Elfie non ci sarà più, ora c’è qualcuno al mio fianco con cui posso dormire. Vanlife non è stata cancellata, ma per ora è stata decisamente rimandata!

Rate this post

Protect your trip: With all our travel experience, we highly recommend you hit the road with travel insurance. SafetyWing offers flexible & reliable Digital Nomads Travel Medical Insurance at just a third of the price of similar competitor plans.