Skip to Content

I blogger di viaggio raccontano le loro esperienze più belle

Ho chiesto a 16 colleghi blogger di viaggi di raccontare la loro esperienza più bella come blogger.

Ecco cosa hanno detto:

1. Fotografo per Google & Parks Australia sull’Isola di Natale

Vicki di MakeTimeToSeeTheWorld

Migrazione Dei Granchi Rossi Sull'Isola Di Natale
Migrazione dei granchi rossi sull’Isola di Natale

La mia esperienza di blogger più epica è stata in realtà il mio ultimo incarico. Nel dicembre dello scorso anno, ho collaborato con Google e Parks Australia per un progetto a più teste sull’Isola di Natale (un Territorio Esterno Australiano).

La prima parte ha immortalato la migrazione annuale dei granchi rossi con l’incredibile fotocamera del nuovo telefono Pixel2. Ogni anno, a dicembre, 50 milioni di granchi che abitano l’isola escono dalla foresta pluviale e si dirigono verso gli 80 km di costa che circondano l’isola per riprodursi e deporre le uova.

L’isola si ferma praticamente per la chiusura delle strade per consentire il passaggio dei granchi verso la riva e la migrazione stessa è stata definita da Sir David Attenborough “uno spettacolo stupefacente e meraviglioso”.

La seconda parte è stata quella di immortalare il Google Street View Trekker – che è una versione dell’inestimabile kit che normalmente si trova sopra un’auto di Google ma che è stato fissato a uno zaino – mentre un membro dello staff di Parks Australia percorreva l’isola in lungo e in largo per fornire le immagini di street view che puoi vedere online.

Street View Trekker A Martin Point Al Tramonto
Street View Trekker a Martin Point al tramonto

Sono stata trasportata e ospitata sull’isola, ho lavorato non solo con Google, Parks Australia, ma anche con Christmas Island Tourism, News Corp Australia, un membro dell’AAP e un paio di fotografi straordinari e, a causa della cancellazione dei nostri voli di ritorno, ho avuto la possibilità di trascorrere alcuni giorni fantastici con i membri dell’ente del turismo che si sono impegnati a mostrarci quanto più possibile della loro incredibile isola per il tempo extra che abbiamo trascorso lì.

Sono stata anche pagata per le mie immagini e, a causa del ritardo di 4 giorni che abbiamo accumulato, Google ha mandato un’auto con autista a prendermi all’aeroporto quando sono finalmente tornata a Melbourne!

Leggi anche

2. Essere intervistato dalla TV nazionale delle Maldive

Claudia da Le mie avventure nel mondo

Essere Intervistato Dalla Tv Nazionale Alle Maldive

Ero stata invitata alle Maldive e questo era già abbastanza bello. Insomma, le Maldive sono una destinazione da sogno per tutti i viaggiatori, e accaparrarsi un invito ad andarci è già abbastanza bello.

Ma questa volta è stato un canale televisivo a voler ospitare una conferenza e, per questo, ha fatto di tutto per far sentire tutti i blogger benvenuti e coccolati e, soprattutto, importanti.

Ho capito bene come funziona non appena il mio volo è atterrato.

Quando ho messo la testa fuori dalla porta dell’aereo, ho notato che c’era qualcuno in fondo alle scale, con un cartello con il mio nome.

Dimenticatevi lo scomodo e affollato autobus: appena sceso, sono stato fatto salire su una limousine che mi ha portato in una sala VIP. Lì sono stata subito accolta con dei fiori e i fotografi hanno fotografato la mia faccia scioccata: di certo non mi aspettavo un’accoglienza così calorosa.

Dopo avermi assicurato che qualcun altro si sarebbe occupato delle formalità per il visto e dei bagagli, sono stato invitato a sedermi.

Arrivò un giornalista, pronto a intervistarmi sulle mie aspettative di visitare il paese per la prima volta.

È stato tutto un po’ surreale, molto divertente e mi ha fatto sentire incredibilmente importante.

Non male per un’iniezione di ego!

3. Riprese della campagna Backpackagram con l’Ente del Turismo della Nuova Zelanda

Patrick da German Backpacker

Riprese Della Campagna Backpackagram Con L'Ente Del Turismo Della Nuova Zelanda

La cosa più bella che ho fatto come blogger di viaggio è stata, senza dubbio, girare la campagna Backpackagram con l’Ente del Turismo della Nuova Zelanda.

Poche settimane dopo aver inviato il mio video di candidatura, ho ricevuto l’e-mail che ero stata selezionata e che avrebbero trasportato me e un amico di mia scelta in Nuova Zelanda da qualsiasi parte del mondo ci trovassimo (in quel momento ero in Brasile)!

Eravamo un gruppo di sei persone e siamo stati mandati in giro per tutto il paese per una settimana con un enorme team cinematografico di 25 persone (avevamo anche il nostro stylist e i nostri agenti di sicurezza!), fermandoci in destinazioni popolari come Rotorua, Queenstown e Bay of Islands.

Il nostro lavoro: fare tutte le attività più divertenti del paese (paracadutismo, bungee jumping, rafting, pub crawl e molto altro) mentre ci facciamo filmare divertendoci il più possibile!

L’Ente del Turismo ha coperto e organizzato tutto, e tutto il nostro team è stato super divertente e fantastico.

I risultati finali del progetto sono stati diversi brevi filmati di un minuto e alcune foto professionali, che sono stati utilizzati come pubblicità su Facebook e Instagram, rivolgendosi ai giovani europei e raggiungendo quasi 1 milione di persone!

Nelle settimane successive ho ricevuto tonnellate di messaggi da amici che erano molto sorpresi di vedermi in promozione sui loro social media!

Questa esperienza è stata probabilmente uno dei momenti più divertenti, folli, movimentati e belli della mia vita e mi ha dimostrato che tutto è possibile come blogger di viaggio!

4. Il primo gay pride nazionale del Canada a Montreal

Stefan e Sebastien di Nomadic Boys

Durante le nostre avventure di blogger, una delle esperienze più belle è stata quella di essere invitati a coprire il primo gay pride nazionale del Canada a Montreal nel 2017.

Montreal è una città fantastica, incredibilmente gay friendly e ce ne siamo completamente innamorati. È uno dei pochi posti nei nostri viaggi in cui ci siamo sentiti a nostro agio a tenerci per mano in pubblico.

Il Montreal Pride si svolge in agosto, quando fa caldo e c’è il sole. Il Pride è un festival che dura una settimana, con feste all’aperto, eventi e una grande parata il giorno finale.

La parata è il culmine dell’evento, che coinvolge l’intera città. Tutti partecipano alla parata, comprese le coppie etero, le famiglie con i loro bambini.

Questo ci ha toccato molto da vicino perché ci ha fatto sentire davvero inclusi e festeggiati con tutti quelli che ci circondavano.

Il cuore del gay pride di Montreal è il villaggio gay, che si trasforma in una grande festa ogni giorno. L’atmosfera è molto divertente e tutti gli abitanti della città vi partecipano.

Il Gay Village di Montreal è un quartiere ufficiale della città ed è riconosciuto sulle mappe ufficiali e nei tag dei social media. È il più grande villaggio gay del Nord America ed è il punto focale della scena gay di Montreal.

Ciò che ci ha colpito di più del Canada Pride di Montreal è stato vedere il leader canadese (molto bello), Justin Trudeau, alla guida dell’intera parata. Riesci a immaginare Trump o Teresa May alla guida di una parata dell’orgoglio gay negli Stati Uniti o nel Regno Unito?

Ci è piaciuto molto il tempo trascorso a Montreal per partecipare al primo Canada Pride e vogliamo assolutamente tornare per vedere di più di questa città eccitante e super gay-friendly.

Dai un’occhiata al nostro vlog sul gay pride di Montreal e sulla scena gay:

5. Soggiorno gratuito in un hotel 5* Deluxe a Macao

Alison di Up&AtEm Travel

Legend Palace Hotelmacau

Mantenere un blog di viaggi di successo richiede molto lavoro, ma fortunatamente alcuni vantaggi rendono il travel blogging straordinariamente gratificante.

Un soggiorno gratuito presso il Legend Palace Hotel, un albergo a cinque stelle di lusso, è stata una delle esperienze più belle che il travel blogging mi ha offerto.

All’arrivo in hotel, ho ricevuto l’upgrade a una sontuosa camera Executive, classificata come una suite in qualsiasi altro hotel.

Quando entrai nell’atrio, le tende del soggiorno si aprirono automaticamente verso il balcone. Mi sembrava di essere stata trasportata in una favola con dettagli in legno immacolato, mobili e moquette di lusso e uno schermo televisivo piatto che scivolava in un mobile.

Il balcone del soggiorno era il luogo perfetto per rilassarsi davanti a una famosa torta all’uovo portoghese. Tuttavia, nel caso in cui avessi avuto bisogno di più scelta, un secondo balcone si estendeva dalla camera da letto con una vista senza ostacoli sull’iconico Ponte Amizade.

Il primo giorno, il team di marketing mi ha fatto visitare l’intero hotel, comprese le suite per famiglie, i diversi punti di ristoro e le strutture per il tempo libero.

Dato che non sono una grande giocatrice, mi hanno consigliato di passare le serate in relax a godermi la brezza marina intorno al Macau Fisherman’s Wharf, che ospita vari negozi e ristoranti.

Sono stata molto grata per il loro suggerimento! E mentre ero in hotel, i membri dello staff erano particolarmente attenti e desiderosi di chiacchierare con me delle loro esperienze.

Clicca qui per maggiori informazioni, foto e prezzi del Legend Palace Hotel.

6. Viaggio nel Kiwiland

Se penso all’esperienza più bella che ho vissuto come blogger, è sicuramente il mio viaggio nel Kiwiland.

Un paio d’anni fa io e il mio fidanzato abbiamo fatto le valigie e siamo andati all’altro capo del mondo per poter salire su un camper ed esplorare sia l’isola del Sud che quella del Nord di questo fantastico paese.

Abbiamo avuto modo di sperimentare una vita da furgone e di entrare in contatto con la natura più bella per quasi due mesi, continuando a incrementare il nostro reddito da blogger giorno dopo giorno. Abbiamo anche usato questo tempo per espandere la nostra attività di blog design durante la sera e per concentrarci sui nostri obiettivi di vita e di carriera.

Viaggio Nel Kiwiland

Questo viaggio mi ha dimostrato quanto il blogging possa essere flessibile e sorprendente. Da allora abbiamo viaggiato a fasi alterne, incrementando al contempo la nostra presenza online e le nostre entrate ad ogni passo.

Non abbiamo intenzione di fermarci tanto presto!

7. Discorso di fronte a quasi 1000 studenti in Vietnam

Mary di A Mary Road

DareatalkinfronteaipiùStudentiinvietnam

In quel periodo ero in viaggio in Vietnam e stavo coprendo un normale viaggio stampa per un ostello e una compagnia di tour.

La nostra guida turistica è stata davvero fantastica. Il suo nome è Chung; alla fine siamo rimasti in contatto; ho deciso di rimanere ad Hanoi per un paio di mesi e questo mi ha portato a diventare amico di Chung.

Era molto divertito dal mio lavoro di blogger di viaggi e dal fatto che lo svolgessi a tempo pieno. Decise di presentarmi al suo vecchio insegnante di inglese. Abbiamo preso un caffè e chiacchierato dei miei viaggi e del fatto che ogni tanto insegno anche inglese.

Poi mi ha chiesto se volevo parlare di fronte a degli studenti di una provincia lontana da Hanoi. Ho detto subito di sì perché ho pensato che sarebbe stato fantastico.

Non sapevo che avrei parlato di fronte a quasi 1.000 studenti più gli insegnanti.

Adoro parlare in pubblico, ma solo quando sono preparata!

Era una situazione molto confusa ma interessante. Dopo almeno un quarto d’ora di conversazione, gli studenti mi fanno domande su come è iniziato il divertimento.

Parlando Di Fronte A Quasi 1000 Studenti In Vietnam

Ho percepito nelle loro domande la loro curiosità e il loro orgoglio.

Continuavano a dirmi che è incredibile che una persona del sud-est asiatico insegni inglese, scriva il mio blog in inglese e viaggi da sola per il mondo. Hanno detto che pensavano che solo le persone provenienti dall’Occidente e dall’Europa potessero farlo.

Ho quasi pianto per le parole gentili che mi hanno rivolto.

Non ho mai saputo che quello che faccio è interessante. Voglio dire, scrivo sul blog perché mi piace scrivere, viaggio perché sono curiosa del mondo.

Non avrei mai pensato che queste cose che faccio potessero essere d’ispirazione per le nuove generazioni, il che mi rende orgogliosa di me stessa e del mio settore, il travel blogging.

8. Giudicare i Campionati Mondiali di Alimentazione 2017

Nathan di Foodie Flashpacker

8. Giudicare I Campionati Mondiali Di Alimentazione 2017

Il fatto che mi sia stato chiesto di aiutare a giudicare i Campionati Mondiali di Cucina del 2017 è stato davvero un punto culminante della mia carriera di blogger.

Il WFC è il più grande evento di sport alimentare degli Stati Uniti. Non solo mi era stato chiesto di fare da giudice, ma avrei anche fatto parte del team di stampa scelto per aiutare a coprire e promuovere l’evento.

L’evento si teneva a Orange Beach, in Alabama, che non avevo mai visitato prima. Quando sono arrivato all’hotel ho scoperto che avrei alloggiato in un appartamento da un milione di dollari con vista sull’oceano.

L’appartamento era davvero enorme! La mia camera aveva una vasca idromassaggio, c’era una seconda vasca idromassaggio sul balcone, altre due camere da letto – era stupendo.

Gli organizzatori non potevano essere più gentili e hanno fatto di tutto per farci divertire.

Ogni sera c’era un evento diverso a cui partecipare: cene a base di vino, cocktail, ricevimenti privati con celebrità locali. A una festa c’era persino il nostro chef di sushi che creava rotoli di sushi personalizzati per noi!

L’evento in sé è stato fantastico e spero di potervi partecipare anche quest’anno.

9. Farsi riconoscere da un lettore in un bar

Dynamo da Dynamo Marketers

Farsi Riconoscere Da Un Lettore In Un Cafè

Una delle sorprese più belle del mio blog è avvenuta quando mi trovavo in una caffetteria locale.

Stavo lavorando al mio blog ed ero seduta lì da un po’, dovevo andare in bagno e ho chiesto alla donna vicino a me se poteva guardare il mio computer. Mi ha guardato in modo strano e le ho promesso che sarei stato molto veloce (e lo sono stato).

Quando sono tornata, si è scusata e mi ha detto: “Mi dispiace di averti guardato perplesso, ma ero stupita perché sei la Ragazza del Pavimento e io e mia madre stavamo leggendo il tuo blog”.

Era particolarmente interessata al mio articolo sul miglior parquet per cani. Mi chiese se poteva sedersi con me e farmi delle domande.

Mentre stavamo chiacchierando, sua madre ha chiamato e ha detto: “OMG, non crederai mai con chi sto parlando adesso”.

Mi ha trattato come una star del cinema.

Mi ha invitato a casa sua (per un preventivo sul parquet) e ho avuto modo di conoscere sua madre e il suo cane. È stato così bello. L’ho incontrata altre volte in altri caffè e uno di questi giorni ha ancora intenzione di rifare i pavimenti.

10. Soggiornare in hotel di lusso

Allison di Eternal Arriving

Soggiornare In Hotel Di Lusso2

Una delle cose più belle dell’essere blogger è la possibilità di soggiornare in hotel che normalmente sarebbero fuori dai miei sogni economici.

Quando ho visitato il Belize con una collega blogger, abbiamo avuto una di queste opportunità: soggiornare nella bellissima Victoria House.

La nostra suite era incredibilmente lussuosa: due piani, una cucina completa con tanto spazio per i banchi da superare il mio vecchio appartamento di New York, e non solo, 3 aree esterne tra cui una veranda con vista sull’oceano, una doccia a pioggia all’aperto e una splendida piscina a sfioro a pochi passi dalla nostra camera.

La nostra “suite” (che in realtà era più una villa!) non solo era splendida, ma era anche situata in una posizione perfetta, dato che ogni giorno ci trovavamo di fronte all’alba sul Mar dei Caraibi.

Soggiornare In Hotel Di Lusso

Dalla nostra camera alla spiaggia per l’alba non c’erano più di 2 minuti a piedi, il che significa che, tanto per cambiare, mi sono alzata dal letto per vederla!

Quando non facevamo la bella vita nella nostra enorme suite, ci rilassavamo in una delle due piscine sulla spiaggia, esploravamo la scena gastronomica locale, navigavamo nei Caraibi, facevamo snorkeling con gli squali e le razze nella Barriera Corallina del Belize e, in generale, vivevamo il tipo di vita che normalmente viene associata al travel blogging.

Clicca qui per maggiori informazioni, foto e prezzi di Victoria House.

11. Partecipare alla festa finale di Top Chef in Messico

Lauren di DownLo

Partecipare Alla Festa Finale Di Top Chef In Messico2

Il blog mi ha permesso di fare diverse esperienze di viaggio incredibili, dal giocare con le tigri e prendermi cura degli elefanti fino a diventare un vichingo certificato e a fare il giro del mondo. Tuttavia, uno dei momenti più speciali è stato partecipare alla festa finale di Top Chef in Messico.

Essendo una grande buongustaia e una drogata di reality, sono stata fanghizzata dallo show per anni, quindi essere inclusa è stato un grande onore.

Ospitata presso il Secrets Akumal Riviera Resort di Cancun, questa struttura all-inclusive da 700 dollari a notte ha invitato nove blogger da tutto il Nord America in ogni nicchia, dai viaggi alla moda, per vivere un’esperienza di lusso guidata da uno chef nello stesso luogo in cui è stato girato lo show.

È stata un’esperienza da tappeto rosso dall’inizio alla fine.

Ci siamo divertiti un mondo a girare per il resort per la luna di miele, approfittando dei bar a bordo piscina, delle esclusive opportunità di ristorazione, dei sette ristoranti internazionali e del servizio in camera 24 ore su 24, 7 giorni su 7 (con tanto di box per la privacy, perché si tratta di un resort per la luna di miele).

Partecipare Alla Festa Finale Di Top Chef In Messico2

Senza un vero e proprio itinerario prestabilito, è stato molto meno rigido di un viaggio formale per la stampa e ci ha dato molto tempo per oziare in piscina, farci coccolare nella spa e goderci davvero l’ambiente circostante (quand’è stata l’ultima volta che un viaggio di lavoro è sembrato davvero una vacanza?).

Anche se le riprese vere e proprie sono state effettuate settimane prima e non ci sono stati cheftestants a sorpresa, è stato bello sentirsi come se fossimo gli ospiti del momento.

Trattati come veri e propri VIP, abbiamo assistito al finale su grande schermo in un’area privata della piscina, sorseggiando cocktail con antipasti passati e festeggiando l’esperienza.

12. Soggiorno di 10 giorni su un’isola paradisiaca delle Maldive

Vicki di MakeTimeToSeeTheWorld

Isola Del Sole Maldive
Isola del Sole Maldive

Il mio primo (e fino a poco tempo fa) più grande colpo come blogger di viaggio è stato quello di ottenere una sponsorizzazione di 10 giorni per un soggiorno alle Maldive, che comprendeva tutti i voli interni, cibo e bevande, sessioni di spa, tutte le immersioni subacquee che volevo (che in realtà si sono trasformate in un paio di sessioni individuali quando ho avuto una crisi di nervi inaspettata!) e tutte le attività che potevo inserire nel mio tempo sull’isola.

Ho navigato alla ricerca di delfini, ho fatto snorkeling alla ricerca di squali balena, ho osservato gli squali nutrice che si nutrivano nella laguna, ho fatto amicizia con le razze che la abitavano, ho fotografato alcuni dei tramonti più incredibili che abbia mai visto e ho girato l’isola in bicicletta senza preoccuparmi di nulla.

Un soggiorno di 10 giorni assolutamente beato e qualcosa per cui probabilmente non avrei mai speso i soldi da sola.

13. Scoprire i Canopy Tours in tutto il Sudafrica

Lauren del Movimento Wanderlust

Scopri I Canopy Tour In Tutto Il Sudafrica

L’esperienza più bella che ho avuto finora è stata quella di lavorare con un’azienda sudafricana che offre tour a baldacchino. Hanno sedi in tutto il paese e una in Swaziland e mi hanno mandato in tutte le sedi come parte del loro programma di sensibilizzazione per i blogger.

Quando ho iniziato a lavorare con loro, ero un freelance al verde che si dava da fare per sbarcare il lunario. Non avrei mai potuto permettermi queste esperienze uniche in alcune delle zone più belle del Sudafrica.

Ho attraversato la foresta di Tsitsikamma in zip, ho fatto trekking nelle profondità delle montagne Hottentot e ho urlato a pieni polmoni su uno scivolo che è durato 30 secondi!

C’è stato anche un momento in cui abbiamo incrociato zebre, springbok e kudu!

L’azienda mi ha anche offerto un lavoro di referral e mi sono state proposte altre esperienze gratuite con i loro partner, tra cui un soggiorno gratuito di una notte in un nuovo hotel glamping. C’è stata anche un’offerta che è arrivata grazie al loro collegamento con un ente del turismo.

In cambio, tutto quello che ho dovuto fare è stato scrivere dei post sul blog, scattare delle foto e girare un video.

Sono impegnato a lavorare al mio ultimo pezzo, un post di riepilogo di tutte le diverse località. È probabilmente uno dei post più difficili che ho dovuto scrivere perché ogni tour è unico per la sua regione.

14. Vincere un concorso di scrittura

Inma da Un mondo da viaggiare

Vincere Un Concorso Di Scrittura1

In effetti, la cosa più bella che mi sia mai capitata come blogger è stata quella di vincere un concorso di scrittura a livello nazionale e di viaggiare per due settimane in sei diversi stati messicani tre settimane fa, quando ho iniziato a scrivere sul blog.

In quel periodo stavo cercando di capire come funziona il travel blogging e non avevo idea di cosa stessi facendo. In realtà, ci sto ancora arrivando, perché questa è una carriera che devi capire man mano.

Naturalmente, non ero a conoscenza di tutti i vantaggi che derivano dal blogging e quando ho visto le regole del concorso, ho scritto il mio primo lungo post e l’ho inviato, sapendo che le mie possibilità erano quasi inesistenti.

Pensavo che il premio sarebbe andato a qualcuno che era in giro da un po’, e lo pensavano anche i miei amici, che non riuscivano a smettere di ridere quando ho detto loro che non sarei andato a mangiare tapas quel giorno perché dovevo finire la copia in tempo.

Vincere Un Concorso Di Scrittura1

Per farla breve, il mio itinerario in Messico ha vinto il primo premio e così, insieme agli altri 3 blogger, abbiamo girato Quintana Roo, Chiapas, Veracruz, Campeche, Yucatan e Tabasco per 15 giorni in quello che è stato il mio primo viaggio stampa in assoluto.

Tutte le spese sono state coperte, dai voli ai pasti, e abbiamo ricevuto un trattamento regale ovunque.

Non potevo credere alla mia fortuna.

Sono passati 5 anni e ho fatto, sia da sola che con il mio partner, decine di altri viaggi stampa. Di solito superano tutte le aspettative, ma non è mai come la prima volta.

15. Coprire la prima visita del Papa in Giordania

Coprire La Prima Visita Del Papa In Giordania

Nel 2014 sono stato invitato dall’ente del turismo giordano a visitare il loro paese. Ho trascorso 10 giorni esplorando da un capo all’altro con una guida e un autista… ma questa non è la parte più sorprendente.

Nel bel mezzo della pianificazione del mio itinerario verso Petra, Wadi Rum, il Mar Morto e i soliti luoghi turistici, l’Ente del Turismo mi ha scritto con una richiesta insolita.

Il Papa stava visitando la Giordania per la prima volta. Sarei disposto ad andare a sentirlo parlare allo stadio di Amman durante la mia visita.

Ho risposto “sì”, ovviamente, perché questa è la risposta corretta ad un ente turistico generoso. Non sono cattolico ma ho pensato che sarebbe stato interessante. Questo Papa in particolare sembrava un uomo interessante.

Ma c’è stato un cambio di programma. Invece hanno avuto l’idea di procurarmi un pass stampa (completo di sigillo papale) e di farmi coprire la visita del Papa e della famiglia reale giordana a Betania, il luogo del battesimo di Gesù sul fiume Giordano.

Così ho trascorso una giornata come un giornalista fotografico, a contatto con fotografi dell’AP e simili.

Sembra molto più affascinante di quanto non sia. Si tratta di aspettare sotto il sole cocente che qualcosa accada e poi correre verso la destinazione successiva.

C’è stata confusione perché hanno dimenticato di dirci che avevano cibo e bevande per noi. Non mi ha fatto venire voglia di cambiare carriera, ma mi ha fatto apprezzare meglio la professione e mi ha dato un bel ricordo.

Questo post è stato utile? Se è così, assicurati di appuntarlo per consultarlo in seguito!

Una Delle Tue Esperienze Più Belle Come Blogger4

Protect your trip: With all our travel experience, we highly recommend you hit the road with travel insurance. SafetyWing offers flexible & reliable Digital Nomads Travel Medical Insurance at just a third of the price of similar competitor plans.